La costa Caraibica: la nidificazione delle tartarughe e il surf

E’ quella fascia del territorio che si estende dal Nicaragua a Panama e che comprende la vasta e popolata provincia di Limon. Quest’area nonostante sia fitta di giungle, paludi e corsi d’acqua è molto frequentata dai turisti per tre motivi: Osservare la nidificazione delle tartarughe a Tortuguero, fare snorkeling e surf lungo la barriera corallina incontaminata sulla costa caraibica meridionale.

Annunci

Ma andiamo con ordine quali sono le principali attrazioni?

1. Parque Nacional Tortuguero
E’ il parco più visitato del Costa Rica perchè è il più importante sito di nidificazione al mondo per le tartarughe marine e in particolare per la tartaruga verde. Il periodo di deposizione è marzo-maggio e luglio-ottobre e in questo periodo è impossibile rimanere delusi dai tour guidati che accompagnano i visitatori lungo le spiagge della riserva dove è possibile vedere le tartarughe liuto, le embricate e le verdi deporre le uova e nella notte osservare come i loro piccoli raggiungano la riva.
Il Parco Nacional Tortuguero è interessante da vedere anche fuori stagione perché ospita una fauna selvatica incredibilmente numerosa. E’ molto bello infatti percorrere il canale Tortuguero con una canoa o barca lenta all’alba e godersi lo spettacolo della giugla. Sarà impossibile non vedere caimani, coccodrilli, aironi, scimmie e ancora pappagalli, bradipi, iguane e il basilisco piumato.

Info utili:
Ingresso: 15$
Orario: tutti i giorni 6-18
Per arrivare a Tortuguero è necessario arrivare fino a La Pavona, parcheggiare e prendere un boat fino al centro del villaggio. [15$ a/r La Pavona, orari 7.30 am- 12.30 pm- 4.30 pm  – Tortuguero + 10$/ day Park auto]

Consiglio: Mentre aspettate il vostro boat potete già comprare dei tour negli uffici che troverete nei pressi del ristorante. Sono gli stessi che troverete sull’isola e hanno gli stessi prezzi.
Tour consigliati: Night tour (20$), Canoe Tour (25$), National park tour.
Non siate tirchi, prendete una guida anche quando non è obbligatorio, questo vale sempre, in tutti i parchi. Non è facile vedere gli animali nel loro habitat naturale.

2. Snorkeling nel Parque Nacional Cahuita
Si tratta di un parco marino costruito per proteggere una delle poche barriere coralline del Costa Rica ancora intatte e viventi. Non è permesso fare snorkeling autonomamente bisogna quindi prenotare una guida o un tour a Cahuita. Questa riserva offre uno spettacolo della natura anche fuori dall’acqua, infatti esiste un sentiero che costeggia tutta Playa Blanca che vi permetterà di avvistare cebi cappuccini, bradipi e serpenti, ibis e martin pescatore. Essendoci alta marea il percorso non è sempre interamente percorribile quindi meglio informarsi nella stazione ranger in merito agli orari delle maree.

Info utili:
Ingresso: offerta libera
Orari: lun-ven 8-16 sab-dom 7-17

Annunci

3. Surf a Playa Cocles, Playa Chiquita e Punta Uva
Sono le tre spiagge del più bel tratto di costa caraibica del Costa Rica. Queste spiagge, dalla sabbia bianca e fitta incorniciate da palme, sono le più famose e frequentate tra gli amanti del surf.

Consiglio: Non perdete l’occasione di fare una passeggiata a cavallo tra la giungla e il mare (come abbiamo fatto noi).

Passeggiata a cavallo
Annunci

4.Visitare le riserve indigene
Sicuramente un’esperienza interessante perché permette di apprendere la tradizione e la cultura degli indigeni locali dei villaggi Bribrì e Cabécar. La popolazione vive ancora in palafitte di legno nella foresta e sopravvive grazie alla vendita di oggetti d’artigianato e grazie alle visite guidate organizzate dai tour operator del luogo. Noi abbiamo visitato il villaggio dei Bribrì imparando tutto il processo produttivo del cacao (dalla raccolta del frutto dall’albero fino alla degustazione di una calda tazza di cioccolata 100% cacao e vi assicuro che il sapore non è neanche lontanamente simile a quello a cui noi siamo abituati). Il ricordo di questa splendida giornata è stato portare a casa molti sorrisi della popolazione del villaggio e due gusci di cacao incisi con immagini colorate.

Consiglio: Se vi piacciono i souvenir artigianali, questo è un buon posto dove comprarli. Inoltre, sosterrete il villaggio con il vostro acquisto.

Annunci

5. Jaguar Rescue Center
Non è uno zoo, non è un parco ma è un rifugio di riabilitazione e reintroduzione di animali messi in salvo dai bracconieri. Gli animali, una volta rimessi in forza, vengono reinseriti in natura. L’intero centro è gestito solo da volontari e sopravvive grazie alle donazioni dei privati e al ricavato delle visite guidate. La riserva permette di vedere aluatte, margay, bradipi (anche cuccioli), gufi, serpenti, caimani, coccodrilli, pappagalli e scimmie (anche i piccoli).

Info utili:
Ingresso: 20$
Orari: lun-sab prima visita 9:30 seconda visita 11:30.

Consiglio: Se volete fare un’esperienza di volontariato in Costa Rica, il Jaguar Rescue Center è la soluzione ideale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: